METALLI E LEGHE UTILIZZATE PER LE MONETE

ACMONITAL

 

 ( ACciaio MONetario ITALiano ) E' la lega usata in Italia per la coniazione delle monete a partire dal 1937. In particolare è stato utilizzato per tutte le monete della serie impero dal valore di 20 centesimi fino alle 2 lire. La Repubblica Italiana ha utilizzato l'acmonital per le monete da 50 e 100 lire e per la parte interna delle monete da 500 lire dal 1953 fino al 2001.
L'acmonital è essenzialmente composto da acciaio, nichelio, cromo e vanadio in proporzioni variabili.
L'acmonital è normalmente magnetico e quindi viene attratto dalle calamite; questa proprietà si riduce man mano che la percentuale di nichelio nella lega si alza.
NICHELIO
( Nichel ) E' un metallo bianco argenteo.
Appartiene al gruppo del ferro, ed è duro, malleabile e duttile.
Per la sua ottima resistenza all'ossidazione e stabilità chimica esposto all'aria, si usa ed è stato usato per coniare le monete di minor valore puro o in lega con altri metalli principalmente il rame
Il nichel è uno dei cinque elementi ferromagnetici. Infatti monete in nichelio puro sono attirate da calamite. Questo non è vero per le leghe formate dal Nichel ad esempio il CUPRONICHELIO non è considerabile ferromagnetico in quanto solo debolmente o addirittura in maniera del tutto impercettibile è attirato da calamite.
Ad esempio sono attirati da un magnete le monete da 20 centesimi libertà librata ma non i 20 centesimi esagono (in cupronichelio).
BRONZITAL
Il Bronzital è una particolare lega di bronzo composta da rame e alluminio 
Dal 1968 alla lega di Bronzital è stato aggiunto anche nichelio per renderla maggiormente splendente e meno soggetta ad ossidazione.
In Italia è stato utilizzato per le monete da 5 centesimi del Regno e per le 20 e 200 lire.
La percentuale dei vari componenti metallici del Bronzital è variabile, in Italia l'ultima lega utilizzata era così composta:
Rame  82%  ,  Alluminio 16%  , Nichelio 2% .
RAME Le monete di rame sono spesso di rame molto puro, circa il 97%, e sono di solito legate con piccole quantità di zinco e stagno .
CUPRONICHEL
Il Cupronichel è una lega di rame in cui il nichel è il principale elemento aggiunto.
Sono caratterizzate da un'ottima resistenza alla corrosione e ad un'ottima resistenza meccanica, in particolare all'erosione.
Si noti che basta un tenore del 20% per sbiancare completamente il rame ed ottenere un colore grigio metallico; per questi motivi sono usate nella monetazione: la parte "bianca" delle monete da 1 e 2 euro sono costitute da un cupronichel 75-25.
BRONZO
Il Bronzo è una lega di rame e stagno nel quale quest'ultimo viene aggiunto fino al 8-9% ,ed acquista una grande resistenza alla corrosione .
Queste leghe sono ancora lavorabili plasticamente e si possono laminare, estrudere, forgiare, stampare e trafilare. Aumentando ulteriormente il tenore di stagno, la durezza raggiunge livelli tali da consentire solo pezzi ottenuti per fusione .